Socio analisi di gruppo

COS’E’?

È uno spazio di ascolto-incontro, finalizzato alla crescita personale e alla consapevolezza di sé e delle proprie modalità relazionali.

Il gruppo offre uno “spazio di libertà” in cui è possibile esprimere ciò che si sente, le proprie eventuali difficoltà e/o disagi e disturbi, ciò che si ha nella mente e nel cuore, senza timore che la propria espressività possa nuocere, offendere qualcuno o venire male interpretata. Per la gestione di quest’ultimo aspetto (la possibilità della non corretta decodifica degli interventi) ci sono due conduttori (trainer e cotrainer), la cui presenza permette il mantenimento di un clima vivace e dove i possibili conflitti divengono risorsa di crescita.

La “libera” espressività -nel rispetto di alcune regole- è anche favorita dal fatto che i componenti sono tra loro estranei e non hanno relazioni o interessi al di fuori del gruppo stesso. Può invece diventare una fertile occasione di stimolo e riflessione.

Analogamente a quanto succede in natura dove la biodiversità è una ricchezza irrinunciabile ed ecologicamente auspicabile, il gruppo di socioanalisi è composto da persone molto diverse tra loro per età, professione, personalità, orientamento sessuale e problematiche che le hanno condotte in terapia o in analisi. Si sottolinea che sono ammessi alla Socio-analisi di gruppo soltanto coloro che stanno seguendo un percorso di terapia individuale e/o coloro che l’hanno seguito per un tempo non inferiore ad un anno.

 

PERCHE’ IN GRUPPO?

 

Il gruppo permette, ad esempio, di lavorare sulla modalità di relazionarsi nel quotidiano, favorendo la messa in gioco delle proprie fragilità e risorse, in un contesto relazionale con cui confrontarsi, nel “qui ed ora” della situazione gruppale;

Il gruppo permette inoltre di ampliare l’esperienza (di analisi o terapia) individuale, fornendo chiavi di lettura diversificate, che arricchiscono e approfondiscono il livello di consapevolezza acquisito nel percorso che, data la natura del rapporto, è limitato (analisi individuale); e può sviluppare crescita e consapevolezza a più ampio respiro.

Il gruppo rappresenta una realtà “altra” rispetto ai singoli individui che lo compongono, ponendosi “oltre” gli individui stessi (il gruppo è più della sommatoria dei singoli componenti). Questa nuova realtà permette ai conduttori di relazionarsi con la “mente di gruppo” e di rendere gli interventi più pregnanti ed efficaci.

Il gruppo favorisce inoltre, attraverso la presa d’atto delle problematiche altrui, l’attenuazione del sentimento di isolamento e solitudine, che ogni sofferenza può stimolare e rafforzare.

 

Partecipazione e presenza.

 

Gli incontri sono settimanali, della durata di due ore ciascuno, in un giorno prestabilito e la durata minima è di 1 anno ( es. tutti i martedì dalle 19.00 alle 21.00).
Per eventuali ulteriori informazioni, unitamente alle indicazioni del proprio terapeuta, è consigliabile telefonare al dott. Gian Piero Grandi (cell 334 827 66 94).